La Moneta del Regno Unito: Guida Completa con tutte le Informazioni sulla Sterlina

Post aggiornato su 

Se venite in vacanza o a trascorrere un periodo di tempo nel Regno Unito, vi interesserà sapere tutto ciò che riguarda la moneta dell’Inghilterra, visto che la moneta del Regno Unito è differente.

Come saprete, la moneta del Regno Unito è la sterlina britannica. In inglese si chiama pound sterling. Ogni sterlina è formata da 100 pence (o pennies). Il simbolo monetario per la moneta di Londra e del resto del paese è £. Deriva dalla lettera L, utilizzata come abbreviazione della parola latina librae.

In questo post parleremo della moneta del Regno Unito, dei suoi spiccioli e delle sue banconote, dove potete cambiarli e che potete fare con le monetine che vi rimangono.

Moneta del Regno Unito: Monete e Banconote della Sterlina Britannica

Come abbiamo già detto, la moneta dell’Inghilterra, della Scozia e dell’Irlanda del Nord è la sterlina britannica (£). Se vi occorre il codice ISO 4217, quello del Regno Unito è: GBP.

Monete

Per quanto riguarda le monete del Regno Unito ne esistono otto in circolazione: 1p, 2p, 5p, 10p, 20p, 50p, £1 e £2. La significa penny al singolare ed è usata per indicare la 1p. Al plurale si chiama pence per il resto delle monete.

Moneda de Londres, Inglaterra, para comprar

Il disegno che vedete nella foto è quello della maggior parte di monete. Nonostante questo, esistono disegni diversi per la parte posteriore in alcune monete del Regno Unito in cui potete vedere parti del Royal Coat of Arms of the United Kingdom, ossia lo Stemma Reale del Regno Unito. Avvicinando le monete potete vedere lo stemma per intero.

Moneda de Inglaterra, UK, GBP

Banconote della moneta inglese

Le banconote del Regno Unito sono di carta. I biglietti con valore legale attuale son quelli da £5, £10, £20 e £50. In Scozia si stampano anche banconote da £1, ma sono abbastanza rare da trovare.

Moneda y divisa de Inglaterra, libras

Soldi nel Regno Unito. Dove Cambiarli. Le Opzioni che vi Consigliamo.

Sapendo di dover cambiare i soldi in Inghilterra per poter realizzare pagamenti nel paese, dovrete informarvi su come e dove poterlo fare.

Secondo noi, cambiarli in banca prima di arrivare non è per niente conveniente così come non è consigliabile farlo delle agenzie di cambio situate all’aeroporto. Le commissioni sono veramente alte.

Se venite in vacanza non avete bisogno di una gran quantità di soldi; per questo, vi conviene recarvi presso i cambiamonete della città, dove le commissioni saranno più basse. Potete anche ritirare i soldi direttamente dal bancomat e così non avrete bisogno di cambiarli. Esistono certe banche che non hanno commissioni bancarie o che le hanno più basse.

Nel caso in cui vi doveste fermare per lungo tempo, vi conviene aprire un conto corrente e potrete ritirare i soldi dai bancomat senza alcun problema. Non avrete alcun tipo di problema di cambio e risparmierete molti soldi.

Che fare con le monete che vi avanzano

Se avete viaggiato in altri paesi con cambio di moneta, saprete già che le monete come gli spiccioli, che qua corrispondono al penny e ai pence, non si cambiano. Si cambiano solo le banconote.

Per questo motivo vi spieghiamo cosa potete fare con queste monetine che vi restano. Sembra fatto apposta ma se ne accumulano sempre tantissime.

Essendoci successo molte volte di accumulare molti spiccioli sappiamo che si possono provare molti metodi ma vi consigliamo i più efficaci. Potete per esempio, cambiare gli spiccioli in banconote che risulta essere il metodo più conveniente.

Un tempo esisteva la Coinstar Machine, ma è durata poco, visto che la macchina si prendeva un 10% di commissione su tutte le monete accumulate.

Cambiare gli spiccioli in banconote: la migliore opzione è la banca

Infine, possiamo segnalarvi la Metro Bank’s Magic Money Machine.

Metro Bank non è altro che una banca normale che però dispone di una serie di macchinette molto utili chiamate Magic Money Machines e che vi permette di alleggerirvi di tutte le monetine e cambiarle in banconote senza alcun tipo di commissione.

Cambiar la moneda de Inglaterra en un banco

Il processo è molto semplice e dovrete solo inserire tutte le monete accumulate nella macchina e una volta terminato la macchina vi fornirà di un ticket con la quantità di spiccioli che avete inserito. Vi dovrete avvicinare al banco con il vostro biglietto e vi sarà data l’esatta quantità in banconote e monete più grandi possibili. Non è necessario alcun tipo di conto bancario né dovrete possedere alcun tipo di servizio connesso a questa banca.

Cambiar moneda de Inglaterra a billetes y a euro

Il cambio, se avete accumulato una considerevole quantità di soldi in sterline e se state vivendo nel Regno Unito, vi conviene effettuarlo attraverso una banca inglese attraverso la quale potrete trasferire i soldi nel vostro conto italiano con un bonifico internazionale grazie a Transferwise o Azimo. In questo modo potrete cambiarli quando volete da euro a sterline.

Moneda de UK en la cuenta de TransferWiseVi ricordiamo che TransferWise stesso possiede il suo proprio conto bancario e la sua rispettiva carta. L’aspetto positivo è che non dovrete presentare una proof of address per aprirlo e per questo, è molto conveniente averlo ancora prima di atterrare o una volta che siete là.

Potete ritirare fino a £200 dai bancomat gratuitamente e a partire da questa quantità in poi la commissione sarà del 2%. Potrete pagare gratis con i soldi attivi nel vostro saldo.

Potete convertire automaticamente i soldi secondo il cambio reale e pagare una piccola commissione che si aggira intorno al  0,35% e il  2%.

Storia e Curiosità della Moneta dell’Inghilterra

Storia della moneta del Regno Unito

La sterlina britannica è la moneta più antica che continua ad esistere. La sua origine risiede nell’Europa continentale. Prima della sterlina esisteva una moneta d’argento che si chiamava sceatta e che pesava quasi 1,5kg.  Derivava dalla parola anglosassone il cui significato era ricchezza.

La parola usata attualmente proviene dal peso di una moneta, la sterlina in argento che era conosciuta proprio come sterlina d’argento. Il momento in cui si iniziò ad utilizzare questa sterlina fu quando nel 1158 il Re Enrico II la introdusse come moneta del Regno Unito. 

Fu nel 1489 con Enrico VII che apparì la prima sterlina britannica e nel 1560 la Regina Isabella introdusse la stessa sterlina che usiamo oggi. Fu creata la Banca d’Inghilterra nel 1694 e con essa, iniziarono a circolare le banconote.

Attualmente e per più di 300 anni, La Banca d’Inghilterra è stata responsabile dell’emissione delle banconote e delle monete. Bisogna tenere presente che il disegno non è sempre stato uguale ma è cambiato nel corso egli anni.

La sterlina britannica è sopravvissuta essendo una moneta indipendente visto che nel resto dell’Europa si adottò l’euro come moneta unica mentre il Regno Unito ha continuato ad usare la stessa.

Libra esterlina es la moneda de Inglaterra, billete inglésCuriosità sulla moneta del Regno Unito

  • Quando nel resto d’Europa si cambiarono le monete con l’Euro (€), la sterlina britannica diventò la moneta indipendente più antica che continua da essere utilizzata.
  • Esistono moltissime monete inglesi commemorative.
  • Ogni anno escono monete con nuovi disegni come quella della House of WindsorJane Austen, la Prima Guerra Mondiale, il Duca di Edimburgo o gli animali della Regina.
  • Il 28 di marzo del 2017 la moneta da  £1 a 12 lati iniziò ad essere legale. Prima aveva forma rotonda.
  • Nel 2017 sono state presentate le monete per commemorare il 200° anniversario della morte di Jane Austen, l’influenza di Sir Isaac newton nella scienza e nella matematica, il 100° anniversario della Casa dei Windsor, il 200° anniversario della sovranità moderna, il 10° anniversario dell’incoronazione del King Canute, il centenario della IGM e il 150° anniversario della nascita di Beatrix Potter. 
  • Nel 980 si potevano acquistare 15 capi di bestiame con una sterlina.
  • L’espressione inglese Spend a penny, significa andare in bagno. Questa deriva dal fatto che per pagare l’ingresso in un bagno pubblico durante la Great Exhibition del 1851, si pagava un penny.

Spero che questo articolo sulla moneta del Regno Unito vi sembri utile o interessante. Se avete dubbi o volete raccontarci la vostra esperienza con la moneta inglese, potete lasciare un commento 🙂

Ti è piaciuto questo articolo?
Commenti