Come Orientarsi sulla Metro di Londra

metro londra

Probabilmente l’iconico logo della metro di Londra (cerchio bianco con contorno rosso attraversato da una linea blu) è tra i più conosciuti e riconoscibili del mondo. Lo stesso vale anche per il soprannome TheTube che si riferisce ai centinaia di “tubi” (gallerie, cunicoli e stradine varie) che compongono il sistema della metropolitana londinese collegando le varie stazioni. L’intricata struttura della metro londinese è giudicata da molti poco inadatta all’epoca moderna, ma senza dubbio la rende oltremodo affascinante.

Così come non sei un buon londinese se attraversi quando il semaforo pedonale è rosso, così anche non lo sei se non riesci a muoverti agilmente nella Tube come se fosse casa tua. È molto comune trovare i turisti i difficoltà alle prese con la metro, ma se abiti a Londra devi impegnarti affinché prendere la metro sia per te naturale come bere un bicchier d’acqua.

Le stazioni della metro sono circa 300, le linee che le collegano sono 12, e 408 i chilometri (tra strade, passaggi, gallerie e scale mobili) sotterranei che si snodano tra una station e un’altra. Questi dati sono un po’ preoccupanti ma, seguendo i consigli qui di seguito riportati e con un po’ di pratica, riuscirai senza problemi a districarti nei cunicoli dell’underground londinese.

Intanto, tieni presente che ogni stazione ha un nome e un colore che identifica la linea su cui essa si trova. Si stima che circa 3 milioni di persone usino la Tube ogni giorno, per cui, non temere, se ti sei smarrito troverai sicuramente qualcuno a cui chiedere aiuto!

La metro apre intorno alle 5 del mattino e rimane aperta fino, circa, all’1 (hai davvero tanto tempo per sperimentare e cercare di memorizzare percorsi e stazioni!). Una volta dentro, ti accorgerai che i treni passano con una frequenza media di cinque minuti, quindi, al segnale acustico che segnala chiusura delle porte del treno non gettartici all’interno: rischi di farti male e quasi sicuramente sarai rimproverato.

Così come per la DLR o per i bus ti gioverà comprare una OysterCard con TravelCard annessa. Se acquistassi il biglietto a prezzo pieno (senza tessera) spenderesti circa tre volte di più.

La città di Londra è stata suddivisa in nove zone concentriche. La zona 1 corrisponde al centro città, mentre la 9 è quella più periferica. Se ti trovi a Londra come turista, probabilmente non ti sposterai oltre la zona 2 per visitare le maggiori attrazioni, ma se hai intenzione di viverci e quindi affittare una casa tieni presente che  le zone 7, 8, 9 sono le più economiche in cui vivere.

Ecco adesso che arriva la parte più complessa da afferrare. Presta attenzione: una volta che l’avrai compresa sarai in grado di spostarti da una parte all’altra della città senza problemi!

La prima cosa da fare quando entri in una stazione della metro è quella di prendere una mappa e portarla sempre con te. Tieni presente che i tunnel all’interno delle stazioni sono contrassegnati dalle direzioni cardinali. Ora ti starai chiedendo: come faccio a sapere la direzione che devo prendere? Non ti allarmare. Con la mappa alla mano sarà semplicissimo. Basta individuare la vostra destinazione e scoprire in quale quadrante della cartina esso si trovi (nord, sud, est, ovest). Adesso che sai quale linea prendere e quale direzione non ti resta che seguire le indicazioni. All’interno della stazione i punti cardinali sono così contrassegnati:

  • Nord: northbound;
  • Sud: southnound;
  • Ovest: westbound;
  • Est: eastbound.

Bene, bravo! Sei arrivato alla piattaforma. Ora devi sapere un’altra cosa: ogni treno ha una destinazione differente. Ciò di cui ti devi accertare è che la tua meta sia inclusa nel percorso del treno su cui stai per salire. La segnaletica sulle piattaforme è molto chiara e dettagliata. Non avrai problemi a capire dove sia destinato il treno e, se vuoi avere una certezza in più sappi che ognuno di essi, sulla parte anteriore in un cima, ha un display su cui è segnata la destinazione.

Sapersi muovere all’interno della metropolitana londinese non riguarda solo prendere la giusta direzione e il giusto treno, ma anche assumere una serie di comportamenti corretti, delle vere e proprie regole non-scritte, che non vi faranno subito etichettare come “turista”. Forse, la più importante è quella che ha a che fare con le scale mobili: se vuoi rimanere fermo in attesa di arrivare in cima stai a destra, altrimenti sali pure ma usando la corsia di sinistra. Altro suggerimento: se non ti piace la confusione. evita di prendere la tube nelle ore di punta (07:30, 09:30). Infine, ricorda che i londinesi sui mezzi di trasporto non sono particolarmente socievoli, difficilmente intratterranno conversazioni con te  – o ti guarderanno -, invece, tendono, per lo più, a leggere o a usare lo smartphone in solitudine.


In conclusione, sicuramente non sarà semplice prendere la Tube, almeno le prime volte. Ti perderai e sbaglierai treno quasi sicuramente. Ma quando capirai a fondo come orientarti al suo interno, non ne potrai più fare a meno e ti sentirai un vero londinese!