Contratti Internet nel Regno Unito: Aspetti Importanti e Fornitori

Se venite a vivere nel Regno Unito per un lungo periodo, avrete sicuramente bisogno di una linea telefonica di casa con WiFi.

Nel caso in cui decidiate di condividere un appartamento o una casa già abitata, di certo i vostri coinquilini avranno già installato internet, per cui non ci si dovrà preoccupare di nulla. Il prezzo corrispondente è di solito incluso nell’affitto o, talvolta, consiste in un piccolo extra.

Però, se andrete a vivere da soli in uno studio, o sceglierete di condividere un appartamento ex-novo con degli amici, avrete bisogno di selezionare una tariffa internet e telefono. Che ci piaccia o no, internet è fondamentale oggigiorno.

Sistema britannico di telefonia e internet

Prima di comparare una qualunque tariffa per il telefono fisso e internet, è necessario che si considerino alcune differenze tra le offerte nel Regno Unito che non ci sono in Italia.

Dal momento che i contratti durano spesso vari mesi, dovrebbero essere chiari tutti gli aspetti rilevanti, tra cui ricordiamo:

1. Velocità di connessione: benvenuti in Nord Europa. Questa è la differenza principale rispetto alle offerte italiane. Qui nel Regno Unito tutte le aziende hanno la fibra, in modo da poter offrire una velocità di download tra 15Mbps e 78Mbps. Tenete a mente che la tariffa finale dipenderà da diversi fattori come ad esempio la posizione, ma sicuramente la velocità è molto più alta che in Italia. Se lo desiderate, potete vedere qui quale sarebbe la velocità di connessione per codice postale, un fattore da tenere a mente quando si sceglie un alloggio!

2. Linea telefonica: come accade in Italia, per avere la connessione a internet è necessario aver un contratto di linea telefonica, ma senza usarla, in modo da non pagare e così liberarsi di questa “tassa”. Tra l’altro questa cosa sta cambiando e stanno comparendo compagnie, come la Virgin Media, che non richiedono l’allaccio alla linea telefonica per avere accesso a internet, anche se in questo caso la tariffa sarà più costosa rispetto ad altre. (Quel che entra da una parte esce dall’altra!)

3. Chiamate gratuite: non tutto è poi così vantaggioso. Una differenza con il sistema italiano è che queste telefonate non sono illimitate ma si pagano extra, quindi fate attenzione non prendervi uno spavento con la bolletta telefonica! La maggior parte delle aziende offre chiamate gratuite durante il fine settimana e alcune sere della settimana ma, visto che oggi si usano soprattutto i cellulari, questo non sarà un grosso problema per voi.

4. Controllo del traffico: qualcosa che non conosciamo in Italia (almeno per ora) è ciò che è noto come “Traffic Management”, che consiste principalmente nell’abbassare la velocità di connessione nell’ora di punta, di modo da garantire e soddisfare la domanda. La riduzione non supera il 5% e di solito occorre nel pomeriggio o la sera. Non vi preoccupate: è appena percettibile sia in velocità sia termini di prestazioni.

5. Durata del contratto: in realtà questo non è molto differente in Italia, ma ve lo ricordo affinché lo teniate a mente. La maggior parte delle compagnie internet richiede un impegno di più di 12 mesi e in caso di inadempienza vi è una sanzione. Tenete a mente che l’impegno non è in riferimento al domicilio ma alla persona che sottoscrive il contratto quindi se cambiate domicilio non dovrete fare nulla. Come sapete, qui nel Regno Unito è molto comune cambiare casa di continuo!

6. Limiti di download: ora, questo è qualcosa di nuovo per molti di voi e per il momento non esiste ancora in Italia. Ci sono alcuni contratti internet con un limite di download mensile (che si aggira tra 10Gb e 40Gb) da considerare. A meno che non facciate un uso intenso di internet e non desideriate vedere i film o la TV on-line o trascorrere la giornata di lavoro in rete, il mio consiglio è di scegliere una connessione internet con download illimitato.

7. Tariffa di attivazione e router: anche se la tariffa di attivazione ed il router sono inclusi in forma “gratuita” nel contratto, fate attenzione a che la vostra compagnia non ne richieda il pagamento perché possono arrivare a chiedere fino a £50 per l’attivazione.

Quale compagnia scegliere?

Scegliere l’Internet Provider può essere un bel po’ stancante, soprattutto per il gran numero di compagnie disponibili, per questo ti risparmiamo lo sforzo riassumendo qui le principali compagnie internet del Regno Unito.

Questi prezzi sono quelli all’attivo dal mese di luglio 2015 per l’offerta più economica di ogni compagnia, anche se è sempre meglio conoscere le offerte e le promozioni in corso poiché possono variare leggermente.

È anche utile chiedere ai vicini che compagnia utilizzino e la loro esperienza, poiché potrebbe darsi che in una regione, quartiere o villaggio sarà migliore la qualità di una compagnia (che ha la fibra ottica, per esempio) rispetto ad un’altra.

In generale, la qualità più elevata la possiedono British Telecom e Virgin Media, che sono anche quelle che hanno una maggiore copertura della fibra ottica. Inoltre, la più economica è TalkTalk. Per quanto riguarda la qualità del servizio al cliente, questa è abbastanza simile tra di esse.

Screen-Shot-2016-01-18-at-4.25.46-PM

Vedete, nonostante le piccole differenze, la stragrande maggioranza delle aziende ha prezzi molto simili, e ancor di più per quanto riguarda le condizioni di fornitura della linea (coincidenza?). Dunque, informatevi sulle offerte e su chi fornisce un servizio migliore nella vostra zona.

Qui abbiamo solo preso in considerazione i prezzi dei pacchetti internet di base, ma controllate anche offerte che includono TV e telefono poiché possono diventare molto interessanti!


 

Se hai trovato utile quest’articolo, non dimenticare di lasciarmi un mi piace e un commento!